Un ciclone di nome Cesare... - S.S.D. Virtus Romano 1983
721
post-template-default,single,single-post,postid-721,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-16.6,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.1,vc_responsive
 

Un ciclone di nome Cesare…

Un ciclone di nome Cesare…

È un ciclone: curioso, irrefrenabile, con una passione d’altri tempi per il calcio. Lui ed il pallone vivono in simbiosi. È uno dei “volti storici” dei nostri Primi Calci: la nostra rubrica settimanale dedicata al Settore Giovanile, questa settimana è dedicata a Cesare Malvezzi.

Alla Virtus Romano segue le orme del nonno materno Roberto che, diversi anni or sono, ha allenato alcune formazioni giovanili. V come vivace, V come volenteroso, V come virtussino DOC.

Marco Gardin, istruttore Primi Calci Virtus Romano, ci racconta di Cesare e di tutta la squadra.

«La parola ciclone descrive perfettamente Cesare, anche per come si rapporta con i compagni: pur essendo il più piccolino di struttura fisica, è una forza della natura e riesce a trascinare tutto il gruppo, sia nella parte di gioco prima degli allenamenti, sia a livello comportamentale. Da questo punto di vista, è difficile da controllare, perché pur essendo molto piccolo, a volte espone concetti che mai ti aspetteresti da un ragazzino di 8 anni. Questo lo porta a volte ad esagerare, ma sicuramente crescendo può migliorare e diventare ancora più leader di quanto già non lo sia.

Io in lui un po’ mi rivedo, anche per quanto riguarda la struttura fisica: anch’io da piccolo ero il più piccoletto. Vederlo in partita non mollare mai, nonostante magari si trovi a giocare con ragazzini più sviluppati, dimostra la sua voglia di combattere. A livello tecnico ha solo da migliorare, a quest’età si gettano le basi. A livello di carattere più diventare ancora più importante.

Questo è il mio terzo anno alla Virtus ed il secondo anno con i Primi Calci. Lavorare con i piccoli è diverso, perché si lavora più sull’aspetto educativo che tecnico. Quest’anno il gruppo è composto da 15 ragazzini e devo dire che anche il rapporto con i genitori è ottimo: ci seguono in ogni partita e se ho bisogno di una mano sono sempre disponibili».

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.