«Da qui alla fine saranno 5 finali. Dobbiamo esserci con la testa» - S.S.D. Virtus Romano 1983
697
post-template-default,single,single-post,postid-697,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-16.6,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.1,vc_responsive
 

«Da qui alla fine saranno 5 finali. Dobbiamo esserci con la testa»

«Da qui alla fine saranno 5 finali. Dobbiamo esserci con la testa»

A poche ore dalla sfida con il Belvedere, abbiamo fatto una chiacchierata con mister PAOLO ZANON.

Mister, siamo in zona playoff: qual è la ricetta per rimanere in alto, cosa non si deve assolutamente sbagliare da qui in avanti?
Quelle che ci aspettano sono 5 partite abbastanza complicate, nel senso che anche il calendario non è che ci aiuti molto. Quello che conta è esserci con la testa e mantenere la concentrazione al massimo, per vedere se riusciamo ad entrare in questa benedetta zona playoff. Sarebbe come vincere tre campionati di fila, visto come stiamo soffrendo in questo periodo. Non sarà assolutamente facile.

I tuoi ragazzi stanno bene fisicamente? Sei tranquillo da quel punto di vista?
Fisicamente le ultime prestazioni sono state all’altezza, a parte la partita con l’Eurocalcio, ma lì c’è stato un calo mentale, non fisico. Nelle altre partite ho sempre avuto un riscontro positivo dal punto di vista fisico. Purtroppo non posso essere altrettanto soddisfatto del riscontro avuto a livello mentale, dove continuiamo ad avere delle lacune. Questo è un problema, perché la testa è tutto. Spero che la sosta ci abbia permesso di respirare e di arrivare carichi domenica, perché incontreremo una squadra che si deve salvare…

A proposito di questo, domenica affronterete il Belvedere. Le difficoltà saranno date, come dicevi tu, dal fatto che si devono salvare e saranno agguerriti, ma a livello tecnico a cosa bisognerà stare attenti?
Da quello che ho visto all’andata, posso dire che è una squadra che ha un paio di attaccanti forti, uno in particolare, che cercano spesso col gioco aereo. Detto questo, non credo che all’andata si siano espressi al meglio, però ci hanno dato del filo da torcere sotto l’aspetto dell’agonismo. Noi dobbiamo essere bravi a restare in partita 95 minuti e cercare di giocare a calcio come sappiamo fare. Se ci facciamo trascinare dall’agonismo loro andremo sicuramente in difficoltà. La lucidità deve essere massima. Spero riusciremo a giocare a calcio, cosa che abbiamo fatto solo a tratti quest’anno. Questa è l’unica via, secondo me, che può portarci a playoff, perché se la mettiamo sotto al profilo dell’agonismo e della cattiveria, senza nulla togliere ai miei ragazzi, con molta probabilità ci sono squadre superiori a noi in questo campionato.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.