Cesare Vettorazzi: dagli Allievi della Virtus alle finali nazionali con l'Einaudi - S.S.D. Virtus Romano 1983
736
post-template-default,single,single-post,postid-736,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-16.6,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.1,vc_responsive
 

Cesare Vettorazzi: dagli Allievi della Virtus alle finali nazionali con l’Einaudi

Cesare Vettorazzi: dagli Allievi della Virtus alle finali nazionali con l’Einaudi

Una bella esperienza per lui ma anche una grande soddisfazione per il Settore Giovanile della Virtus Romano. Cesare Vettorazzi, 17enne degli Allievi Regionali guidati da mister Giancarlo Citton, sta partecipando al torneo d’istituto per disputare le finali nazionali – in rappresentanza della scuola che frequenta, l’istituto Einaudi di Bassano del Grappa – ed attualmente si trova a Giulianova, in Abruzzo. L’abbiamo raggiunto telefonicamente, poco prima di scendere in campo, per farci raccontare che emozione si prova a raggiungere un così importante risultato.

«È iniziato tutto così: la nostra professoressa di ginnastica ha selezionato una decina di persone di 3^ superiore, quindi classe 2002, per comporre la squadra d’istituto. Io frequento l’indirizzo Relazioni internazionali per il marketing, ma la squadra è composta da studenti di tutti e tre gli indirizzi dell’istituto. Dopo aver superato le prove a livello provinciale, contro Schio, Breganze ecc…, siamo passati alle fasi provinciali a Verona ed ora siamo in Abruzzo per quelle nazionali. Siamo arrivati ieri e staremo qui 5 giorni. Ogni giorno giochiamo una o due partite. È una grande soddisfazione sia individuale che di squadra. Rappresentare il Veneto in questa competizione è un onore. Io ho cominciato a giocare intorno ai 5 anni, seguendo la passione di mio padre. Ora sono alla Virtus Romano, questo è il mio terzo anno qui: mi trovo benissimo, ho tanti amici in squadra e siamo davvero un bel gruppo. Mister Citton mi ha augurato buona fortuna: incrociamo le dita!».

«Non posso che essere orgoglioso di Cesare, anche perché è un ragazzo che merita. Avevo addirittura pensato di andare a vederlo! È una bella soddisfazione. Cesare si sta impegnando tantissimo e ha tanta voglia di fare bene. Al momento gioca nel ruolo di attaccante, ma secondo me il suo futuro è quello di difensore…vedremo! È giovane, ha tutte le carte per fare quello che vuole», commenta mister Citton. 

 

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.